.

.

Polpette di fagiolini e patate



Questa è una ricetta ereditata da mia madre che negli anni difficili della guerra, ma anche nell’immediato dopoguerra, riusciva a fare polpette con ogni genere di verdure e di avanzi di cibo del giorno prima. Oggi questo modo di far cucina è assurto ad una propria dignità e con il nome di “cucina degli avanzi” lo si ritrova in molti blog del settore.

 Cucina vegetariana: questa ricetta rientra nella dieta latto-ovo-vegetariana universalmente definita "classica".

Ingredienti (per 4 persone):

300 g di fagiolini
500 g di patate
2  uova
50 g di parmigiano (o grana padano) grattugiato
2  spicchi di aglio
1  mazzetto di prezzemolo
sale q. b.
pangrattato q.b.
olio extra vergine di oliva q.b. per friggere

Come procedere:

mondate e lavate la patate, lessatele possibilmente a vapore: in questo modo rimarranno più asciutte. Lavate i fagiolini e lessateli in acqua salata per pochi minuti, dovranno rimanere al dente, scolateli e quando si saranno raffreddati strizzateli per privarli
dell'acqua in eccesso; tritateli con la mezzaluna, e non con il robot da cucina che li ridurrebbe in poltiglia.
Schiacciate la patate ancora calde con una forchetta, in modo grossolano, mettetele in una ciotola insieme ai fagiolini, al parmigiano, alle uova, all'aglio e al prezzemolo tritati; regolate quindi di sale e pepe.
Con una forchetta amalgamate il tutto e se l'impasto risulta troppo morbido aggiungete un paio di cucchiai di pangrattato.
Mettete del pangrattato su un piatto e con l'impasto preparato formate delle polpette rotonde e piatte, come piccoli hamburger, che passate via via nel pangrattato.
Versate in una padella piuttosto grande un dito di olio di oliva: le polpette non devono friggere in olio profondo ma semplicemente rosolare a fuoco dolce, facendole dorare da entrambe i lati.
Posate le polpette su carta da cucina per fare assorbire l'olio in eccesso, quindi disponete su un piatto da portata decorando con foglie di lattuga o pomodorini freschi: un consiglio, accompagnate questo semplice secondo piatto con un contorno di insalata fresca mista.

Buon appetito

Stampa il post

Nessun commento:

Posta un commento