.

.

Sardine "ripiene" alla ligure



Quando è stagione di sardine, ma lo stesso vale per le acciughe, non esitate ad acquistare questi due tipi di “pesce azzurro” cosiddetti “poveri”, ma buoni e ricchi di elementi nutritivi. Con questa ricetta vi propongo una soluzione facile per ottenere un secondo stuzzicante ed avere un’ottima resa quando non se ne hanno molte a disposizione.
E’ un piatto che non manca mai nelle tipiche “Torte e farinate” (Fainotti) che si trovano in Liguria.

Ingredienti (per 4 persone):
  • 350 g di sardine
  • 40  g di pane raffermo
  • 140 g di prescinsêua (tipica quagliata genovese) o ricotta
  • 3 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • latte q.b.
  • 3 uova (1 per il ripieno e 2 per la panatura)
  • 1-2 spicchi di aglio
  • 1 cucchiaino di maggiorana
  • 1 cucchiaino di prezzemolo
  • sale e pepe q.b.
  • pangrattato q.b
  • olio per friggere
Come procedere:

pulite le sardine: a differenza delle acciughe, le sarde vanno squamate raschiandole leggermente con un coltello, dopodiché, tirate loro la testa con due dita e staccatela portando via così anche le interiora; apritele a libro ed estraete la lisca centrale.
Sciacquatele velocemente sotto l'acqua corrente, mettetele a sgocciolare in un colino e poi adagiatele su carta assorbente da cucina, ricopritele con un altro strato di carta e tamponatele leggermente per asciugarle bene. Se necessario, ripetete l'operazione una seconda volta: è importante che le sardine siano ben asciutte.
Preparate il ripieno mettendo in una ciotola il pane imbevuto nel latte e poi strizzato,  la prescinsêua o ricotta, il parmigiano grattugiato, l'uovo, il prezzemolo, la maggiorana e l’aglio tritati finemente. Aggiungete sale e pepe, e mescolate tutto  con una forchetta.
Distribuite il ripieno sul lato interno delle sardine, lasciandole aperte a libro e non richiudendole, e passatele nel pangrattato facendo una leggera pressione per fare aderire bene il ripieno.
Mettete le due uova in una terrina, sbattetele bene con una forchetta, immergetevi una ad una le sardine “ripiene”, e ripassatele nel pangrattato.
Friggete in padella, in olio abbondante, prima dalla parte del ripieno, poi dalla parte del pesce.
Scolate bene con un mestolo forato e ponete la frittura su carta da cucina per far assorbire l'olio in eccesso.

Buon appetito

Il vino: una tipica Bianchetta del Levante ligure o il classico Pigato del Ponente.


Stampa il post

Nessun commento:

Posta un commento