.

.

Ravioli di ricotta



Ho mangiato questo piatto per la prima volta, tanti anni fa, in Sardegna, a Santa Teresa di Gallura, ed ero rimasta piacevolmente colpita dalla delicatezza dei ravioli con il ripieno di ricotta, non privi però di un loro sapore avvolgente.
In realtà, è la variante di un primo piatto che si presta a tante versioni, tutte appetitose, questa è più leggera e semplice di altre, e sposa la leggerezza della ricotta con la freschezza della salsa di pomodoro.

Cucina vegetariana: questa ricetta rientra nella dieta latto-ovo-vegetariana universalmente definita "classica".

Ingredienti per la pasta:
  • 400 g di farina "00"
  • 1   uovo
  • 150 ml di acqua
  • 1   cucchiaino di sale
Ingredienti per il ripieno:
  • 300 g di ricotta
  • 100 g di Parmigiano grattugiato
  • 1   mazzetto di prezzemolo
  • sale q.b.
Ingredienti per il condimento:
  • passata di pomodoro possibilmente fresca
  • 50  g di pecorino fresco grattugiato
  • olio extra vergine di oliva q.b.
Come procedere:

versate la farina in una ciotola, formate la cosiddetta “fontanella” e al centro  mettete l’uovo e il sale; con la forchetta rompete l'uovo e mescolate in modo da incorporare tutta la farina; aggiungete gradatamente l'acqua e continuate a mescolare fino a formare una palla; trasferite l'impasto sulla spianatoia e continuate ad impastare a mano fino ad ottenere un impasto compatto e liscio: la pasta deve essere piuttosto consistente; se risultasse troppo morbida e appiccicosa, aggiungete della farina. Fate riposare per circa un'ora, coprendo con una terrina.
Nel frattempo preparate il ripieno: in una ciotola mettete la ricotta, il Parmigiano grattugiato e il prezzemolo, mondato lavato e tritato, regolate di sale e mescolate bene il tutto.
Ora potete preparare le sfoglie per i ravioli: se usate la macchina, dividete la pasta in pezzi, quindi infarinate, appiattite leggermente con la mano e passate ogni singolo pezzo almeno due o tre volte tra i rulli, riducendo gradatamente la distanza fra di essi, così da formare delle sfoglie di circa 10-12 cm di larghezza, 20-25 cm di lunghezza e di non più di 3 mm di spessore. Stendete le sfoglie sulla spianatoia, dopo averne infarinato la superficie, e lasciatele asciugare per circa mezzora prima di formare i ravioli.

Per formare i ravioli: stendete una striscia di sfoglia sull'apposito attrezzo, Raviolamp o simile, mettete con un cucchiaino il ripieno nei singoli incavi e ricoprite con un'altra striscia di sfoglia. Fate scorrere, esercitando una certa pressione, il mattarello piccolo sopra l'attrezzo in modo da fare saldare le due sfoglie e formare i ravioli. Rovesciate l'attrezzo sulla spianatoia e separate i singoli ravioli servendovi della rotella; spolverateli con un po' di farina e disponeteli su dei vassoi di cartone.
Se non vi servite del "raviolamp", il procedimento sarà lo stesso, solo che potrete stendere delle sfoglie grandi su cui formerete tanti mucchietti di ripieno che ricoprirete con un'altra sfoglia, per poi ricavare i singoli ravioli tagliandoli con la rotella e verificando che le due sfoglie siano ben saldate fra di loro, eventualmente schiacciando leggermente con le dita i bordi.


Cuocete i ravioli in abbondante acqua salata per 8 minuti circa, scolateli con la schiumarola per evitare di rovinarli, metteteli in un piatto di portata, possibilmente scaldato prima con acqua bollente, e conditeli con una passata di pomodoro insaporita da qualche foglia di basilico, un filo di buon olio extra vergine di oliva e una spolverata di pecorino fresco.

Buon appetito

Stampa il post

Nessun commento:

Posta un commento