.

.

Linguine al sugo di ricciola



Semplice, veloce, ma di grande soddisfazione per i commensali e per la cuoca meno esperta, che può vantarsi di saper fare il sugo di pesce.
Se non si trova la ricciola, potete usare un'altro pesce da taglio dal sapore delicato (pesce spada, pescatrice, morone, ecc.)

Ingredienti (per 5 persone):
  • 500 g di ricciola
  • 1  cipolla piccola
  • 3 spicchi di aglio
  • 1 cucchiaio di prezzemolo tritato
  • 1 piccolo pezzo di sedano
  • 300 g di pomodorini datterini
  • 1 peperoncino
  • 4 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • 50 ml di vino bianco
  • sale q.b.
  • 400 g di linguine
Come procedere:

mondate, lavate, tagliate finemente la cipolla e fatela appassire in una padella capiente con olio extra vergine di oliva. Aggiungete l'aglio, il sedano, il peperoncino tagliati a pezzetti e fate soffriggere ancora per due minuti.
Aggiungete i pomodori datterini lavati e tagliati a metà, lavate e tagliate a piccoli pezzi la ricciola. Aggiungetela al sughetto, regolate di sale e, mescolando, fate cuocere per due minuti. Versatevi il vino bianco, il prezzemolo tritato e, a tegame coperto, terminate la cottura (non più di altri 3/4 minuti) facendo attenzione che il pesce non indurisca o si spappoli troppo.
Fate cuocere le bavette in abbondante acqua salata, scolatele al dente e versatele nella padella dove avete preparato il sugo di ricciola. Irrorate con un filo d'olio extra vergine di oliva, cospargete con un po' di prezzemolo tritato e, se necessario, aggiungete poca acqua di cottura della pasta. Mescolate delicatamente e servite mettendo al centro del piatto di portata qualche pezzo di ricciola, selezionata e messa da parte in precedenza.

Buon appetito

Il vino: un bianco secco con un fresco "sentore di mare": Pigato di Albenga, Vermentino di  Gallura o, se si vuole qualcosa dal corpo più robusto, suggerirei l'Ansonica (Ansonaco) dell'Isola del Giglio.


Stampa il post

Nessun commento:

Posta un commento