.

.

Crocchette di patate


Normalmente è considerato un secondo piatto, ma spesso vengono presentate anche in antipasti misti, se non addirittura nella versione dolce. Si possono fare riempiendole con della mozzarella, o con della provola affumicata o con altri tipi di formaggi filanti,oppure mescolando nell'impasto dell'aglio e prezzemolo tritati o, delicatissime, grattugiandovi una scorza di limone. In Sicilia ho imparato a mangiarle accompagnandole con olive condite piccanti ("cunzate") o con melanzane a fette, gratinate e condite con olio extra vergine di oliva, aceto, aglio tagliato a fettine sottili, origano e sale. Si prestano comunque ad ogni tipo di abbinamento e sono sempre molto apprezzate.

Ingredienti:
  • 1Kg. di patate
  • 3 uova
  • 150 g di parmigiano grattugiato
  • noce moscata q.b.
  • sale q.b.
  • 200 g di farina
  • olio extra vergine di oliva
Come procedere:

Sbucciate, lavate le patate e cuocetele possibilmente a vapore in modo che non si impregnino di acqua. Per una buona riuscita delle crocchette è importante usare delle patate asciutte e farinose, di pasta bianca o di pasta gialla. Una volta cotte, in una terrina, passate le patate con lo schiacciapatate, mescolandolele un pò con una forchetta mentre sono ancora calde, quindi lasciatele raffreddare.
Aggiungete ora le uova, il formaggio grattugiato, una buona grattugiata di noce moscata e il sale.
Versate la farina su un grande foglio di carta da cucina e iniziate a formare le crocchette, della forma che più vi aggrada, passandole via via nella farina e adagiandole su un altro foglio di carta. E' interessante ricordare che le crocchette, chiamate "panzarotti" nel napoletano e "cazzilli" in Sicilia, prima di friggerle, vengono passate nell'albume d'uovo e nel pan grattato così da renderle croccanti.
Friggete in abbondante olio extra vergine di oliva a 160°, servendovi di una pentola a bordi alti. Le crocchette dovranno friggere immerse completamente nell'olio. Appena dorate su tutti lati, mettetele su carta da cucina per fare assorbire l'olio in eccesso.
Buon appetito.

Stampa il post

Nessun commento:

Posta un commento