.

.

Bruschetta con pomodoro, aglio e biscotto di Zoagli.


Di questo particolarissimo "biscotto", che non è affatto dolce come ci si aspetterebbe dal nome, non avevo mai sentito parlare sino a quando non ci siamo trasferiti a Zoagli.
Inizialmente non lo avevo preso molto in considerazione, perchè mi sembrava una normalissima fetta di pane biscottato.
In seguito, grazie alle informazioni e ai suggerimenti sul modo di usarlo datemi dalla gente del posto, ho inziato ad inserirlo nei miei menù e ad apprezzarne le qualità e le peculiari caratteristiche che lo differenziano da qualsiasi altro tipo di pane biscottato.
Viene prodotto dall'unico panificio presente nel comune di Zoagli secondo una ricetta tramandata nel tempo da proprietario in proprietario grazie alla quale acquista un gusto ed una particolare consistenza che lo rendono inimitabile.
Può essere usato in vari modi, sia per arricchire la colazione del mattino che per preparare piatti tipici locali come la "bruschetta", il"condiggion", il "bagnun" sempre molto apprezzati da chi ha l'opportunità di gustarli.

Ingredienti:
Come procedere:

tagliate a pezzetti il pomodoro fresco e conditelo con olio, aceto e sale. Strofinate un lato delle fette biscottate con l'aglio e disponetele su un piatto da portata.
Distribuite sopra ogni fetta un po' del pomodoro a pezzetti insieme al suo condimento, spolverate con l'origano e lasciate passare una mezzoretta prima di servire, in modo che il "biscotto" abbia il tempo di assorbire un po' del condimento.
Buon appetito.

Risotto con fagioli borlotti



Quando si parla di "risotti" si pensa sempre, almeno per quanto mi riguarda, alle solite versioni con lo zafferano, con i carciofi, con i funghi, ecc. non prendendo mai in considerazione l'abbinamento con i legumi secchi.
Ho letto questa ricetta qualche tempo fa, non so più dove, e ho provato a farla.
Non vi nascondo che ne sono rimasta più che soddisfatta. Provatela!

Ingredienti (per 4 persone):
  • 400 gr. di riso Vialone nano
  • 200 gr. di fagioli borlotti
  • 1 cipolla piccola
  • 1 cucchiaio di concentrato di salsa di pomodoro
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • aqua q.b.
  • 4-5 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • parmigiano grattugiato q.b.
  • sale e pepe q.b.
Come procedere:

Fate ammollare per una notte i fagioli secchi in abbondante acqua fredda.
Il giorno dopo, fate lessare i fagioli in aqua salata scolandoli quando sono ancora al dente e metteteli da parte.
Tagliate finemente la cipolla e fatela ammorbidire in una casseruola con l'olio extra vergina di oliva e i 2 cucchiai di acqua. Aggiungete il concentrato di pomodoro, mescolate e fate insaporire per qualche minuto.
Versate ora il riso, mescolatelo con il condimento in modo che si insaporisca, versate il vino bianco e fatelo evaporare. Unite al riso i fagioli precedentemente lessati e cuocete il tutto aggiungendo via via l'acqua necessaria per portare a cottura, continuando a mescolare.
Alla fine mantecate con abbondante parmigiano grattugiato e una macinata di pepe.
Buon appetito.

Plum cake al pistacchio



Parenti in arrivo dalla Sicilia e con loro quel meraviglioso patrimonio di sapori che in cucina sono come i colori per un pittore: olive "cunzate"(condite), origano, ciliegini secchi di Pachino, mandorle e pistacchi di Bronte.
Oggi comincio ad usare i pistacchi in versione dolce, ma sappiate che si può fare anche un delicatissimo piatto di spaghetti conditi con pistacchio tritato.
Di questo però parleremo più in là.

Ingredienti:
  • 80 g di burro
  • 150 g di zucchero
  • 2 uova
  • 250 g di farina
  • 1/2 pacchetto di lievito per dolci
  • 125 ml di latte
  • 100 g di pistacchi, meglio se di Bronte
  • 50 g di uvetta
  • 2 cucchiai di pinoli
Come procedere:

Sbattete molto bene le chiare d'uova a neve, prima di sporcare le fruste con gli altri ingredienti. In una ciotola a parte, sbattete il burro, lo zucchero e i tuorli d'uovo fino a che diventino una massa cremosa. Setacciate la farina e il lievito e aggiungetela alla massa cremosa gradatamente, intercalandoli con l'aggiunta del latte.
Per ultimo aggiungete i pistacchi sminuzzati nel mixer, e l'uvetta precedentemente messa ad ammollare in acqua tiepida.
Ora, servendovi di un cucchiaio di legno o di un leccapentole, incorporate all'impasto le chiare d'uovo prima montate a neve, mescolando con delicatezza e con un movimento dal basso verso l'alto.
Versate l'impasto in una forma da plum cacke, imburrata e infarinata, della capacita di circa 1,5 litri.
Mettete in forno preriscaldato a 180° per circa 50 - 60 minuti.
Sfornate il dolce e mettetelo a raffreddare sull'apposita griglia per dolci.
Prima di servire spolverate con zucchero vanigliato.

Buon appetito


Mousse per pinzimonio ai sapori mediterranei



Si tratta di una salsa cremosa fresca e stuzzicante, molto veloce da preparare, che vi farà fare bella figura nel caso dobbiate prepare un antipasto veloce o un piccolo stuzzichino da abbinare ad un aperitivo alcolico secco.
E'come sempre importante disporre di aromi molto freschi.

Ingredienti (per 6-7 persone):
  • 200 gr. di ricotta fresca
  • 1 vasetto di yogurt naturale
  • 1 piccolo cuore di sedano
  • 1/2 carota
  • 1 cipolla media
  • una decina di foglie di menta
  • 3-4 foglie di basilico
  • 1 peperoncino piccante
  • pepe e sale q.b.
  • 1 pomodoro e qualche oliva per guarnire
Come procedere:

Tritate nel mixer il sedano, la carota, la cipolla, le foglie di menta, il basilico, il peperoncino e il sale. In una ciotola, mescolate il trito alla ricotta e allo yogurt, aggiungendovi sale e pepe.
A questo punto la salsa/crema è pronta per essere spalmata su fette di pane che consiglio di tipo integrale. Con questa dose si possono preparare 6-8 fette di pane.
E' importante che le fette di pane non siano tagliate troppo sottili.
Servite a temperatura frigo, dopo aver guarnito con olive, carciofini sott'olio e fettine di pomodoro (vedi foto).
Buon appetito.

Limoncello



Anche se un po' troppo inflazionato, il "limoncello" è un liquore che è bene avere sempre in casa perchè richiesto ad ogni fine pranzo sia da donne che da uomini.
Oltretutto si presta a essere versato su alcuni tipi di gelato o di crema.
Va servito sempre molto freddo, se possibile a temperatura da surgelatore.

Ingredienti:
  • 4-5 limoni di media grandezza
  • 350 ml. alcool per liquori (alcool etilico a 95°)
  • 300-350 g. di zucchero, a seconda di quanto liquoroso si voglia ottenere
  • acqua: q.b. per preparare un litro di limoncello
Come procedere:

cercate 4-5 limoni appena raccolti, non eccessivamente maturi e non trattati, meglio se ve li regala qualche amico.
Con un coltello ben affilato e con un po' di pazienza tagliate a spirale la scorza esterna priva possibimente della parte bianca interna.
Mettete le scorze in infusione nell'alcool, in un vaso di vetro con chiusura ermetica.
Lasciatevele per circa una decina di giorni avendo cura di scuotere il vaso almeno una volta al giorno. Trascorso questo tempo, in un pentolino, a fuoco molto basso, fate sciogliere lo zucchero nella quantità d'acqua necessaria per ottenere alla fine 1 litro di liquore.
Dopo aver fatto raffreddare lo sciroppo di zucchero e aver passato a colino le scorze lasciate in infusione, unite l'alcool aromatizzato allo sciroppo e versate in bottiglia.
Il "limoncello" sarà bevibile dopo una settimana.

Buon bicchierino, ma siate moderati nel bere !

Sformato di verdure


Quando in frigo avanzano verdure di vario genere questo piatto è una delle possibili soluzioni per non dover buttare via nulla. Suggerisco di accompagnarlo con qualcosa di saporito:
olive siciliane condite o pomodorini di Pachino secchi.

Ingredienti:
  • 1 mazzo di bietole
  • 1 indivia
  • 1 lattuga
  • 6 cucchiai di pane grattugiato
  • 3 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • 3 uova
  • 4-5 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • sale e pepe q.b.
Come procedere:
Sbollentate le verdure, lasciandole al dente. Fatele raffreddare, quindi strizzatele per eliminare l'acqua in eccedenza. Mettete le verdure nel mixer insieme al pane grattugiato, al formaggio, le uova, 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva, il sale e il pepe (secondo il vostro gusto).
Frullate il tutto e mettete il composto ottenuto in una pirofila unta con poco olio e spolverata con pane grattugiato. Cospargete con pane grattugiato e irrorate con un filo di olio extra vergine di oliva anche la superfice dello sformato e mettete in forno già caldo a 240° lasciando cuocere per 30 - 40 minuti.
Buon appetito.

Torta con ciliege


E' tempo di ciliege e anche se qui da noi il raccolto quest'anno non è stato dei migliori le poche che siamo riusciti a recuperare sono grosse e dolcissime.
Dovrò rinunciare a fare della marmellata ma non posso certamente fare a meno di cimentarmi in una torta casalinga.
Provate a farla anche voi e poi fatemi sapere.

Ingredienti:
  • 150 g. di burro
  • 150 g. di zucchero
  • 4 uova
  • 130 g. di farina 00
  • 50 g. di mandorle tritate
  • 1 cucchiaino da the di lievito per dolci
  • 500 g. di ciliege snocciolate
  • 2 cucchiai di mandorle e 1 cucchiaio di zucchero per fare il trito da spargere sulla torta prima di infornarla.
Come procedere:

Iniziate a sbattere a neve, ben compatta, i bianchi delle 4 uova, quando la frusta elettrica è ancora pulita. Dopodichè con la stessa frusta sbattete il burro, lo zucchero e i tuorli d'uovo fino ad ottenere una crema soffice. A parte mescolate farina, mandorle tritate e lievito, ed incorporate il tutto, poco alla volta, nella crema ottenuta prima.
Per ultimo aggiungete le chiare d'uovo, sbattute prima a neve, avendo cura di incorporarle eseguendo, con il cucchiaio di legno, un movimento dal basso verso l'alto in modo che l'impasto rimanga soffice e spumoso.
Imburrate e infarinate una teglia del diametro di 25 cm, versatevi l'impasto e disponetevi sopra le ciliege precedentemente snocciolate. Sminuzzate nel mixer, grossolanamente, 2 cucchiai di mandorle e 1 cucchiaio di zucchero, spargete il trito sulle ciliege e infornate a forno preriscaldato a 180° per circa 50 minuti.
E'comunque sempre utile fare la prova stuzzicadenti per verificare il giusto punto di cottura.

Tortino di acciughe


E' un gustosissimo secondo a base di pesce che in Liguria si trova spesso nelle cosidette "Torte e farinate", negozi di gastronomia a cavallo fra la friggitoria e la rosticceria, dove si ha la possibilità di degustare buona parte dei piatti tipici di questa regione: la farinata, la focaccia al formaggio, la baciocca, la torta pasqualina, una varietà incredibile di polpettoni di verdure, i famosi "frisceu" di baccalà e, non ultimo, il castagnaccio.

Ingredienti (per 7-8 persone):
  • 25 acciughe
  • 200 g. di ricotta
  • 50 g. di parmigiano grattugiato
  • 50 g. di mollica di pane
  • 100 ml, di latte
  • 2 uova
  • 2 spicchi di aglio
  • maggiorana e origano q.b. (attenzione a non eccedere con la maggiorana)
  • sale e pepe q.b.
  • olio extra vergine di oliva (per ungere la teglia e irrorare il tortino prima di infornarlo)
  • 4-5 cucchiai di pane grattugiato
  • 2-3 patate di medie dimensioni
Come procedere:

preparate le acciughe privandole della testa e della lisca, sciacquatele rapidamente sotto l'acqua fresca e mettetele a scolare in un colapasta.
Preparate il ripieno mettendo la mollica di pane ad ammorbidire nel latte.
Dopo averla strizzata leggermente, mettetela in un recipiente e mescolatela insieme alla ricotta, al formaggio grattugiato, alle uova, all'aglio e alla maggiorana tritati, all'origano, al sale e al pepe regolando secondo il vostro gusto.
Sbucciate, lavate e tagliate le patate a fette molto sottili, fatele dorare da entrambe le parti in una padella antiaderente unta d'olio. Dopodichè, disponetele su una teglia, adagiandovi sopra le acciughe.
Salate leggermente e distribuite su tutta la superficie il ripieno precedentemente preparato. Cospargete di pane grattugiato e irrorate con un filo di olio.
Infornate a 230° per 20 minuti circa.
Buon appetito.

Acciughe marinate


Questo piatto è tradizionalmente sempre presente in antipasti misti di pesce.
Non è affatto difficile da preparare, l'importante è fornirsi di acciughe freschissime e di un ottimo aceto di vino, possibilmente bianco.
Il periodo ideale è fra marzo e settembre, ma si può preparare durante tutto l'anno.

Ingredienti per la marinata:
  • 30 acciughe
  • 150 ml. succo di limone
  • 100 ml. di aceto di vino di ottima qualità
  • 100 ml. di acqua (se l'aceto è molto forte), oppure 100 ml. di vino bianco secco (se l'aceto è delicato)
  • sale grosso q.b.
  • 1 punta di zucchero
Ingredienti per il condimento:
  • olio extra vergine di oliva
  • 2 spicchi di aglio
  • origano
  • 1 limone per guarnire
Come procedere:

preparate le acciughe privandole della testa e della lisca, sciaquatele rapidamente sotto l'acqua fresca, quindi immergetele aperte per 24 ore in una marinata preparata mescolando assieme il succo di limone, l'aceto, l'acqua (o il vino bianco), il sale grosso e lo zucchero.
Togliete ora le acciughe dalla marinata, adagiatele aperte su carta da cucina ripulendole da eventuali sfilacciature. Mettete un altro foglio di carta da cucina sulle acciughe per asciugarle bene, ripetendo questa operazione una seconda volta.
Infine, adagiate le acciughe in un unico strato su un piatto da portata, irrorate con olio extra vergine di oliva, insaporite con origano e aglio tagliato finemente,
e mettete a riposare in frigorifero per un paio d'ore.
Prima di servire, guarnite con fettine di limone.
Buon appetito.

Risotto ai carciofi



Qui a "La Fascetta" la stagione dei carciofi è ormai al termine ma c'è ancora spazio per preparere un buon risotto e salutare così la fine della primavera.
A me sembra una buona idea e non credo che la cosa dispiaccia ai miei uomini.

Ingredienti (per 5 persone):
  • 400 g. di riso vialone nano
  • 6 carciofi
  • 1 cipolla piccola
  • 1 carota piccola
  • 1 pezzetto di sedano
  • acqua q.b.
  • 1 limone
  • parmigiano grattugiato
  • olio extra vergine di oliva
  • 1 noce di burro
  • 1 bicchiere di vino bianco secco
  • sale, pepe q.b.
Come procedere:

Pulite con cura i carciofi, eliminando le foglie esterne più dure (se sono carciofi di fine stagione, privateli anche della parte piumosa interna) e tagliandoli in modo da tenere solo la parte più tenera. Mettete i carciofi mondati in acqua fredda e succo di limone per evitare che anneriscano.
Tritate finemente la cipolla, il sedano e la carota. Soffriggete con qualche cucchiaio d'olio extra vergine e 2 cucchiai di acqua in modo che il soffritto non secchi.
Unitevi i carciofi dopo averli scolati e tagliati a spicchietti. Quando si saranno ammorbiditi, salate, pepate, aggiungetevi il riso e, mescolando con un cucchiaio di legno, lasciate che assorba un po' del condimento.
Spegnete con il bicchiere di vino bianco e, dopo aver aggiunto l'acqua, portate a cottura continuando a mescolare con il cucchiaio. Mantecate a fuoco spento con una noce di burro e con abbondante parmigiano.
Buon appetito.