.

.

Strudel di mele


La mela è un frutto che in cucina trova un'infinità di applicazioni.
Dall'antipasto al dolce, se hai voglia di giocare, la puoi inserire facilmente e con ottimi risultati.
Oggi ho deciso di cimentarmi nel preparare uno strudel.
Ecco gli ingredienti per 6 persone.

Per la pasta:
  • 250 g. di farina "00"
  • 1 pizzico di sale
  • 1 uovo
  • 2 cucchiai di olio
  • 120 ml. di acqua
Per il ripieno:
  • 750 g. di mele (possibilmente succose e leggermente acidule)
  • 30 g. di uva sultanina
  • 30 g. di noci sgusciate
  • 50 g. di burro
  • 3 cucchiai di zucchero
  • 3 cucchiai di pane grattugiato
  • 1 cucchiaino da the di cannella in polvere
  • 1 cucchiaio di rhum per dolci
  • succo di un limone
Preparazione della pasta:
in una ciotola mettete insieme la farina, il pizzzico di sale, l'uovo, i due cucchiai di olio e i 120 ml. di acqua.Con la frusta elettrica, utilizzando i due ganci per impastare (a forma di cavatappi),amalgamate il tutto (5 minuti circa) sino a formare una pasta omogenea e liscia in superficie.Coprite la ciotola con un coperchio e lasciate riposare la pasta per almeno 30 minuti.Nell'attesa, sbucciate le mele, tagliatele a pezzettini (vedi foto) e bagnatele con il succo di limone per evitare chesi anneriscano.Mettete in acqua tiepida l'uva sultanina per farla ammorbidire, quindi strizzatela e aggiungetela alle mele.Sminuzzate, ma non eccessivamente, i gherigli delle noci aiutandovi con un batticarne o un pestello e aggiungete anche questi.Per ultimo, mettete la cannella,lo zucchero, il rhum e il pane grattugiato, fatto prima leggermente dorare in padella con una parte del burro (circa 20 g.).Mescolate tutto e mettete da parte.Prendete la pasta, che avevate lasciato a riposare, infarinatela in superficie e mettetetela su una tovaglia cosparsa di farina.Iniziate a stenderla con un mattarello, poi tirandola con le mani lungo i bordi e aiutandovi anche con il dorso della mano (vedi foto) continuate a stenderla il più possibile sino a che non si sia formato un grande rettangolo di pasta sottile.A questo punto disponete il ripieno preparato con le mele solo su una parte della sfoglia (e non sull'intera superficie), dandogli già la forma finale dello strudel (vedi foto).e sulla parta di sfoglia rimasta libera mettete dei fiocchetti di burro (circa 20 g.).Coprite con il lembo corto della sfoglia il ripieno di mele (vedi foto) e aiutandovi con la tovaglia cominciate ad arrotolare verso il lato della sfoglia coperto con i fiocchetti di burro (vedi foto).Con molta attenzione e aiutandovi sempre con la tovaglia trasferite il rotolo dello strudel su una teglia precedentemente imburrata.Ricoprite lo strudel di fiocchetti, con la quantità di burro rimasto (circa 10 gr.), e infornate a forno preriscaldato a 180° per circa 40 minuti.A metà cottura, spennellate la superficie dello strudel con una miscela di burro fuso e latte (una noce di burro e 2 cucchiai di latte).Sfornate, lasciate raffreddare nella teglia, trasferite lo strudel su un piatto da dolci e cospargetelo di abbondante zucchero vanigliato.In Austria, nelle famose pasticcerie di Vienna, lo strudel viene consumato come una grossa merenda, quasi una cena, e viene solitamente servito tiepido accompagnato da una "vanille sauce" (salsa alla vaniglia), oppure freddo con panna montata e una tazza di caffè alla viennese.

Salsa alla vaniglia
Ingredienti:
  • 30 g. di fecola di patate
  • 2 tuorli d'uovo
  • 60 g. di zucchero
  • 250 ml. di latte
  • 2 stecche di vaniglia
Come procedere:
mettete in una ciotola la fecola, i tuorli d'uovo, lo zucchero, tre cucchiai di latte freddo e mescolate bene con un cucchiaio legno.In un pentolino metterte a bollire il latte con le stecche di vaniglia, dopo averle incise per la lunghezza con un coltellino.Giunto ad ebollizione, togliete dal pentolino le stecche di vaniglia e raschiatene la polpa interna rimettendola nel latte.Ponete nuovamente sul fuoco il pentolino con il latte, incorporandovi gradatamente e mescolando con decisione il composto di fecola, tuorli d'uovo, zucchero e latte preparato prima.Portate ad ebollizione e, continuando a rimescolare, lasciate ancora per qualche istante sul fuoco.

Stampa il post

Nessun commento:

Posta un commento